FAQ sulle mascherine lavabili certificate

Published by on

1. è una bella iniziativa, ma non mi fido di come gli altri lavino le mascherine/ho dubbi che gli altri cambino quotidianamente la mascherina.

Anche con le mascherine “usa e getta” non c’è certezza che i bambini le cambino ogni giorno o ogni 4 ore, come previsto. Si tratta di un patto di fiducia con la famiglia, di senso civico e di presa in carico di una responsabilità verso gli altri (le mascherine chirurgiche, “usa e getta” o lavabili, proteggono gli altri, non sé stessi).

Si tratta di una iniziativa che va abbinata ad una corretta informazione ai bambini e alle famiglie. Le istruzioni di lavaggio sono comunque semplici e banali da applicare (link scheda tecnica mascherina con istruzioni di lavaggio).

Inoltre, in alcune scuole, si sono trovate strategie efficaci, come quelle di usare colori diversi in giorni diversi, uguali per tutti i bambini.

2. la mia scuola non le accetta/i miei insegnanti non le accettano.

Le mascherine chirurgiche in stoffa lavabili CERTIFICATE di tipo II sono del tutto analoghe se non superiori a quelle “usa e getta” in termini di sicurezza. Il DPCM 3 novembre 2020* ne ha riconosciuto la validità per l’utilizzo a scuola e diversi sono gli Istituti dove sono già ammesse da tempo (LINK con lista istituti). In caso di rifiuto da parte della tua Dirigenza Scolastica, è possibile presentare una richiesta scritta formale. La lettera tipo per i Dirigenti Scolastici è scaricabile qui. Inoltre, i volontari di tRiciclo possono fornirti aiuto e sostegno per vedere riconosciuto questo diritto anche nella tua scuola. Contattaci a triciclo.bbi@gmail.com.

* Il DPCM 3 novembre 2020 prevede che, oltre alla mascherina chirurgica, fornita dalla struttura commissariale, ai sensi dell’articolo 1, comma 7 del DPCM, “possono essere utilizzate anche mascherine di comunità, ovvero mascherine monouso o mascherine lavabili, anche auto-prodotte, in materiali multistrato idonei a fornire una adeguata barriera e, al contempo, che garantiscano comfort e respirabilità, forma e aderenza adeguate che permettano di coprire dal mento al di sopra del naso”.

3. non voglio spendere soldi, me le passa la scuola

Le mascherine certificate sono lavabili fino a 500 volte. Questo significa 500 giornate di scuola, se si frequenta solo al mattino, oppure 250, per chi frequenta il tempo pieno (due mascherine /giorno). I giorni scolastici in Italia sono in media 200 all’anno (link). Questo significa che con l’acquisto di due sole mascherine si copre tranquillamente un anno scolastico (per comodità noi consigliamo comunque di acquistarne qualcuna di più). Si tratta di una spesa di meno di 20€/anno: ne vale la pena per il risparmio di risorse e rifiuti che rappresenta. Ancora di più per il messaggio di educazione ambientale e senso civico che diamo ai nostri figli. Nel frattempo tRiciclo si sta attivando per sensibilizzare il Ministero della Transizione Ecologica sul tema, in modo che agli studenti siano fornite gratuitamente le mascherine chirurgiche lavabili, invece di quelle “usa e getta”.

Le mascherine lavabile certificate che abbiamo individuato sono inoltre molto più confortevoli di quelle usa e getta, un aspetto molto importante quando si tratta di bambini e ragazzi che devono indossarla tutto il giorno.

4. Le mascherine lavabili costano più di quelle “usa e getta”

10 mascherine “usa e getta” costano 5€ e durano due settimane di scuola (se si frequenta solo il mattino), quindi per due mesi di scuola si spendono 20€. Con 20€ è possibile comprarne 4 lavabili che sono sufficienti per un intero anno scolastico, anche frequentando tutto il giorno (due mascherine al giorno). Siamo a 20€ di mascherine lavabili contro 85€ di mascherine “usa e getta” per tutto l’anno…quindi è anche più economico!

5. le mascherine usa e getta proteggono meglio

Le mascherine chirurgiche in stoffa lavabili CERTIFICATE di tipo II sono del tutto analoghe a quelle “usa e getta” in termini di sicurezza (link scheda tecnica delle mascherine certificate attualmente acquistate con il gruppo di acquisto di tRiciclo). Il DPCM 3 novembre 2020 prevede che, oltre alla mascherina chirurgica, fornita dalla struttura commissariale, ai sensi dell’articolo 1, comma 7 del DPCM, “possono essere utilizzate anche mascherine di comunità, ovvero mascherine monouso o mascherine lavabili, anche auto-prodotte, in materiali multistrato idonei a fornire una adeguata barriera e, al contempo, che garantiscano comfort e respirabilità, forma e aderenza adeguate che permettano di coprire dal mento al di sopra del naso”.  Diversi sono gli Istituti dove sono già ammesse da tempo (LINK con lista istituti).

Come tRiciclo, abbiamo trovato un’azienda italiana che produce ottime mascherine riutilizzabili, diverse da quelle di comunità perché certificate chirurgiche. La forma è “a papera”, il tessuto è leggerissimo, sembra quasi seta, quindi ben sopportabile anche dai bambini delle scuole primarie.

Categories: Uncategorized

0 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *